Dormire insieme fa bene

Dormire insieme al partner fa bene alla salute

Dormire insieme è un abitudine che moltissime coppie hanno: quello del sonno è un momento della giornata in cui numerose coppie condividono del tempo prezioso insieme e vivono la propria intimità. Sicuramente, tutti i momenti sono importanti quando si è in coppia, da quando ci si sveglia al mattino finché non si va a dormire la sera: proprio in occasione del riposo, moltissime coppie sono abituate a dormire abbracciate o avvinghiate.

Benefici Descrizione
Migliora l’umore Gli studiosi dicono che dormire insieme abbassa i livelli di cortisolo, che è l’ormone responsabile di ansia e stress. Dormire insieme inoltre aumenta anche l’ossitocina, che all’ormone della felicità.
Rafforza il sistema immunitario Inoltre gli studiosi hanno appurato che le coppie che dormono nello stesso letto resistono molto di più all’influenze pertanto via meno stress, ansia e più difese immunitarie
Le fasi del sonno si sincronizzano Dormendo insieme, la coppia sincronizza le fasi del sonno e a una fase REM, la fase fondamentale in cui si sogna, più regolare e molto più duratura.

Si tratta di un gesto molto semplice ed innocente che però ha una fortissima influenza sulla relazione e sul benessere di coppia, e può rivelare molte informazioni riguardo entrambi i partner: le persone che dormono insieme rimanendo in contatto hanno delle caratteristiche particolari. Dormire insieme e abbracciati fa bene perché rende la relazione molto più appagante:  si crea complicità e fiducia l’uno nell’altro semplicemente rimanendo abbracciati.

Quella di dormire insieme è una cosa che serve non solo a comunicare affetto e a dimostrare il livello di complicità, ma è in grado di rivelare molto di più: secondo delle recenti indagini, le persone che dormono abbracciate hanno una migliore salute mentale. Quindi, le persone che dormono strette al proprio partner non solo hanno una vita sessuale e di coppia più appagante, ma hanno anche una salute mentale migliore: ovviamente, ci sono degli studi chimici a supporto di tutto ciò.

Dormire insieme è benefico

Dunque, dormire insieme al proprio partner può apportare numerosissimi benefici, oltre ovviamente a rivelare quali sono le abitudini di una coppia e degli individui che la compongono: in aggiunta a ciò, si ricordi che dormire insieme favorisce la salute mentale. Ci sono numerosissime ricerche che dimostrano che essere fisicamente in contatto con una persona nel corso della notte, o semplicemente essere certi della presenza di un altra persona, favorisce l’innalzamento del livello di ossitocina nel corpo.

 Dormire insieme fa bene

Quando si parla di ossitocina si fa riferimento ad un ormone che prende il nome di ormone dell’amore e della felicità: come si può intuire, la secrezione dell’ossitocina favorisce una sensazione di benessere psichico e fisico molto più intensa. Bisogna ricordare anche che quando c’è un innalzamento del livello di ossitocina, si ha un abbassamento della secrezione di cortisolo: questo è l’ormone che favorisce la comparsa di stress ed ansia.

Quando c’è una produzione eccessiva di cortisolo si è più propensi a sviluppare condizioni fastidiose che interessano l’intestino, la tiroide e lo stomaco. Certo, ci sono anche moltissime coppie felici ed appagate della propria vita di coppia che però non hanno l’abitudine di dormire insieme tutta la notte: ciò non significa che si tratti di coppie in cui l’amore è finito.

Dunque, ciò che conta non è dormire insieme abbracciati tutta la notte, ma trascorrere qualche minuto accoccolati prima di prendere sonno: questo favorisce la condivisione di affetto e sicurezza.

Dormire insieme senza fare l’amore

Quando si dorme insieme, in particolar modo dopo aver fatto l’amore, è possibile trasmettere affetto o anche sicurezza al proprio partner: ovviamente, non è necessario dormire abbracciati tutta la notte, ma resta il fatto che è necessario coccolarsi prima di addormentarsi. Di fatti, passare del tempo insieme abbracciati dopo aver fatto l’amore serve a mantenere il rapporto di coppia in salute ed a favorire lo sviluppo di una forte complicità.

Quello che è necessario per decretare se una relazione è solida oppure no sono le posizioni in cui le coppie decidono di dormire insieme anche senza fare l’amore: una di queste posizioni è quella del cucchiaio, che è tra le più famose e praticate al mondo. In questa posizione c’è una differenza tra chi sta dietro, che prende il nome di “big spoon” in inglese, e chi sta avanti, che diventa il “little spoon”: chi fa il cucchiaio grande ha il compito di dare al partner protezione e sicurezza.

Invece, la persona che fa il cucchiaio piccolo è solitamente quella che necessita maggiore affetto e soprattutto sicurezza all’interno della coppia: certo, si tratta di ruoli che non sono fissi e che quindi si possono ribaltare in base alle esigenze. Un’altra posizione molto diffusa è dormire accoccolati: in questa, uno dei partner è sdraiato supino mentre l’altro si trova con il viso sul suo petto, ovviamente stando abbracciato.

Le persone che dormono in questo modo condividono una grande complicità, oltre che una forte sintonia sia fisica che mentale. In tal caso non si tratta solo di attrazione sessuale, ma di un amore vero e profondo.

Posizioni per riposare

Quando si decide di dormire insieme al proprio partner oppure al primo appuntamento, ci sono numerose posizioni diverse che si possono assumere: principalmente, quella che si decide di assumere varia in base a quelle che sono le abitudini e alla comodità di entrambi i partner. Ovviamente, per decretare la stabilità di una coppia non basta solamente vedere se si dorme abbracciati per tutta la notte: ciò che conta è la posizione che si assume prima di addormentarsi.

Una volta terminata la giornata, i partner vanno a letto e questo è il moneto cruciale, ovvero quello delle coccole prima di addormentarsi: questo rende il tempo che si trascorre insieme ricco di amore e soprattutto piacevolissimo.Un’altra posizione molto comune tra i partner è quella dell’intreccio, in cui i partner sono tutti e due sul fianco e intrecciano le loro gambe e braccia, in modo da stringersi: in tal caso, la posizione è caratterizzata da una fortissima connessione fisica ed emotiva nella coppia.

Dormire insieme fa bene

Purtroppo però in questo caso potrebbe esserci un risolto negativo: infatti, dormire così avvinghiati ogni notte potrebbe essere un sintomo di un attaccamento eccessivo tra i due partner, una sorta di dipendenza e gelosia reciproca.Una diversa abitudine è quella di coricarsi schiena e schiena: in tal caso non si tratta di dormire abbracciati, ma solo di dormire insieme, quindi di restare in contatto con il partner anche nel corso della notte.

In questa posizione, i due partner non si abbracciano tra loro ma abbracciano un cuscino oppure nulla: non bisogna preoccuparsi, perché anche in questo caso c’è una stabilità di coppia. Di frequente, questa è una posizione assunta dalle coppie sposate che condividono lo stesso da anni: sanno di poter fare affidamento l’uno sull’altro, ma accettano anche la necessità di indipendenza del proprio partner.

Dormire separati

Dormire insieme al proprio partner è una cosa abbastanza facile da fare, ma dormire abbracciati per tutta la notte non è una cosa che tutti preferiscono: nel corso della notte, molti si separano ed allontanano. Nel caso in cui la coppia ha trascorso diversi minuti abbracciata in modo affettuoso, magari raccontando la propria giornata oppure semplicemente coccolandosi o accarezzandosi, staccarsi nel corso della notte potrebbe semplicemente indicare la presenza di una relazione priva di qualsivoglia attaccamento morboso.

Dunque, non c’è bisogno di preoccuparsi perché allontanarsi, in questo caso, mostra la presenza di maturità ed indipendenza, all’interno di una coppia stabile: al contrario, se i partner sono stati distaccati e freddi nel momento in cui si sono andati a coricare, dormire separati potrebbe rappresentare un vero e proprio campanello di allarme. Questa posizione, accompagnata magari anche dalla mancanza di vicinanza prima di addormentarsi, potrebbe indicare una crisi di coppia.

Invece, per quanto concerne le persone single, queste non possono abbracciare un partner: spesso, molte persone che dormono da soli abbracciano quindi un cuscino. Con il cuscino, è possibile adottare le stesse posizioni che si adottano con il proprio partner, e questo può rivelare molto sulla personalità di una persona.

Ad esempio, quando si dorme in posizione fetale abbracciati al proprio cuscino, si ha un vero e proprio ritorno al grembo materno: il cuscino diventa una sorta di scudo per difendersi dai problemi della propria giornata oppure dagli incubi. In ogni caso, dormire abbracciati a qualcosa o qualcuno è la scelta migliore per tutti.

Sonny Sleep – VR Services SRL P.IVA IT 02698200991 – Sede Legale in Genova, Via Colombo 6 CAP:16121 – Cap. sociale: 10.000,00 €