dormire troppo fa male

Dormire troppo fa male alla salute e all’organismo

Gli effetti del dormire troppo sul corpo e sul cervello interessano moltissime persone, le quali ancora non sanno se si tratti di una cosa benefica oppure negativa per l’organismo: in questa guida si proverà a fare un po’ di chiarezza a riguardo. Certamente il poco sonno e l’insonnia non sono due condizioni benefiche per il corpo: neanche l’ipersonnia, che è una condizione del sonno che causa un riposo troppo prolungato, è del tutto benefica per il corpo umano.

L’ipersonnia non è altro che un disturbo del sonno che tra i suoi sintomi presenta l’addormentamento troppo frequentemente e soprattutto molto profondo nel corso della giornata: questo è un disturbo che non va assolutamente sottovalutato. Quando si riesce a riposare in modo regolare e per un numero di ore ben stabilito, si può instaurare un duraturo benessere sia delle mente che del corpo: non a caso, il malessere del corpo lo si rileva subito dalla qualità del sonno.

dormire troppo

È risaputo che le persone che soffrono di stress sono spesso portate a dormire di meno, e questo non fa altro che peggiorare la situazione in quanto getta le basi per delle terribili situazioni depressive ed altre patologie di tipo psicologico. Numerosi studi hanno poi visto che l’ipersonnia potrebbe causare anche degli squilibri che riguardano sia il cervello che l’apparato cardiovascolare: non a caso, quando si tende a dormire troppo, si inizia a soffrire di un forte mal di testa.

Ore giuste per non dormire troppo

L’ipersonnia, che consiste nel dormire troppo durante la notte, così come l’insonnia, è una condizione abbastanza pericolosa, in quanto potrebbe causare (a lungo andare) degli squilibri di tipo cerebrale e cardiovascolare. Al fine di approfondire meglio i problemi che si possono riscontrare quando si inizia a dormire troppo, è necessario comprendere quante sono le ore che l’organismo umano dovrebbe passare a riposare per rimanere in salute.

Età Ore raccomandate di sonno
Dai 6-12 anni Dalle 8 alle 12 ore di sonno
Dai 13 ai 17 anni Non sotto alle 7 ore e non sopra le 12 ore di riposo
Dai 25 ai 63 anni Minimo 6 ore e massimo 9 ore
Oltre i 66 anni Dalle 5 alle 8 ore di sonno

Per quanto riguarda i bambini dai 6 a 13 anni, si consigliano dalle 7 alle 12 ore di sonno per ogni notte: in particolare, la fascia ottimale è tra le9 e le 11 ore; per quanto riguarda i ragazzini dai 14 ai 17 anni, invece, si consiglia di non andare sotto le 7 ore e di non superare le 12. In merito alle persone dai 18 ai 62 anni, le ore ottimali di sonno sono minimo 6 e massimo 10, mentre per gli over 65 il ritmo del sonno cambia notevolmente, e quindi si tende a dormire dalle 5 alle 9 ore massimo.

Volendo generalizzare, le ore ottimali per il sonno in qualsiasi età oscillano tra le 7 e le 9: ovviamente, se per una notte si dorme di meno oppure si dorme di più non ‘è per nulla motivo di preoccuparsi per la propria salute. Bisogna invece preoccuparsi quando il sonno è più lungo oppure più breve per un periodo di tempo molto più lungo: bisogna preoccuparsi inoltre se il riposo notturno è soggetto a frequenti interruzioni oppure se si soffre di narcolessia, e quindi si fa fatica a svegliarsi la mattina.

Quali sono le cause del dormire troppo

Sono diverse le ore di sonno consigliate per ogni notte, a seconda della fascia di età alla quale si appartiene: in generale si consiglia di non scendere sotto le 7 ore e di non andare oltre le 9: certo, ci possono essere delle eccezioni, ma non devono diventare delle abitudini. Quella di dormire troppo è una cattiva abitudine che può essere causata da moltissime cause diverse: si può trattare di un comportamento assunto negli anni, ad esempio.

Oltre a questo, quella di dormire troppo potrebbe essere una vera e propria condizione fisica così come un disturbi del sonno: sono moltissimi i disturbi del sonno, e tra questi è possibile menzionare l’insonnia, le apnee del sonno, il parlare nel sonno ed il russamento. Si è già detto che nè dormire poco nè dormire troppo sono delle condizioni sane per il corpo umano, in quanto potrebbero portare a diverse problematiche.

dormire troppo cause

Quando si parla di ipersonnia, si fa riferimento ad un vero e proprio disturbo patologico del sonno: questo porta ad un aumento vertiginoso delle ore di riposo nel corso della giornata, fino a quanto il sonno diventa sempre più profondo e quindi risulta difficilissimo svegliarsi. Tra le cause di quesa condizione è necessario menzionare delle condizioni che riguardano il sistema nervoso, come l’ipersonnia post-traumatica, la quale è causata da un evento traumatico che altera il sonno.

Nelle forme più gravi, questa condizione potrebbero portare addirittura a delle allucinazioni e alla paralisi corporea nel momento del risveglio. Ci sono poi le apnee notturne, che causano l’interruzione della respirazione nel sonno, alterando così il normale ciclo del riposo.

Si è visto che l’ipersonnia, che è una condizione che porta ad un addormentamento profondo e troppo duraturo, può essere causata da una moltitudine di fattori, quali ad esempio la sindrome da apnee notturne o l’ipersonnia post traumatica. Ci sono però altri fattori che possono portare allo sviluppo di questa condizione, come ad esempio il consumo di particolari farmaci: infatti, il dormire troppo potrebbe essere un effetto collaterale.

Tra i farmaci che portano allo sviluppo di questo disturbo è possibile menzionare l’indometacina, il naprossene, l’ibuprofene, il diclofenac, gli antistaminici, i farmaci psicoattivi, quelli antidepressivi e così via. Ancora, un eccesso di riposo nel corso delle ore notturne e diurne può essere causato anche ad un forte stato depressivo: la forte tristezza, l’abbattimento ed il disinteresse nei confronti di azioni quotidiane normali, potrebbero causare un’eccessiva quantità di sonno.

Quella della depressione è purtroppo una condizione che interessa qualsiasi fascia di età e che bisogna risolvere grazie all’auto di uno specialista. Ancora, il riposo prolungato potrebbe anche essere causato da disfunzioni tiroidee: in questo caso, si tratta di ipertiroidismo, il quale porta spesso all’aumento di ore di sonno.

La tiroide è fondamentale per il corretto funzionamento del metabolismo e degli ormoni: dunque, se questa ghiandola non funziona correttamente, l’intero organismo diventa debole e si sente la necessità di un maggiore riposo.

Dormire troppo fa male?

Sono davvero moltissime le cause che portano a dormire troppo, così come tante sono anche le conseguenze di questa condizione: in generale, dormire troppo fa molto male all’organismo, in quanto si possono sviluppare disturbi e patologie. In primo luogo, diversi studi hanno dimostrato che l’oversleeping potrebbe contribuire ad un deterioramento del sistema neurologico: coloro che dormono più di nove ore a notte in età adulta hanno un rischio maggiore di sviluppare la demenza senile o il morbo di Alzheimer.

In aggiunta a ciò, è stato dimostrato anche che dormire eccessivamente potrebbe far aumentare il rischio di ictus: questo studio, che è stato condotto in Cina, è ha interessato circa trentamila persone over 60. Molti dei soggetti hanno avuto degli ictus nel corso degli esperimenti, proprio perché hanno dormito troppe ore sia di giorno che di notte: lo stesso rischio lo corrono però anche coloro che dormono meno di quello che dovrebbero.

Infine, recenti indagini hanno dimostrato anche che dormire troppo potrebbe far crescere il rischio di malattie cardiovascolari: quindi, l’oversleeping non solo causa dei problemi a livello neurologico, ma anche a livello cardiaco. Infatti, sembra che l’ipersonnia, causi un’iperproduzione della vitamina C reattiva, la quale causa uno stato di infiammazione che getta le basi per lo sviluppo dell’aterosclerosi.

Dunque, se si vuole evitare qualsiasi di queste complicazioni, si consiglia di curare il proprio sonno in modo scrupoloso ed attento.

Sonny Sleep – VR Services SRL P.IVA IT 02698200991 – Sede Legale in Genova, Via Colombo 6 CAP:16121 – Cap. sociale: 10.000,00 €