Melatonina gocce

melatonina gocce

La melatonina è un ormone che il nostro corpo produce in maniera assolutamente autonoma e naturale attraverso la ghiandola pineale. Quando tale ormone non viene prodotto a sufficienza, è necessario integrarlo con la melatonina gocce per garantire il corretto funzionamento delle funzioni vitali del nostro organismo.

Non appena il sole inizia a tramontare, i livelli di melatonina all’interno del nostro corpo iniziano ad alzarsi in modo molto evidente, raggiungendo il loro picco tra le due e le quattro della notte. Successivamente, iniziano a diminuire man mano che si fa giorno.

L’azione della melatonina è quella di “avvisare” il nostro corpo che è ora di “prepararsi” per andare a dormire e, successivamente, quella di preparare il nostro corpo ad essere sveglio e vigile durante la giornata.

Tutto questo aiuta il favoreggiamento del sonno, dandoti la possibilità si sentirti assonnato man mano che si avvicina il momento di coricarti a letto. Assumere la melatonina in gocce, quando il nostro corpo non ne produce a sufficienza, è necessario proprio a raggiungere questo favoreggiamento del sonno.

Melatonina gocce: come posso sapere qual è il dosaggio sicuro

La melatonina aiuta a favorire il sonno, e su questo non ci sono dubbi. Tuttavia, questa è solo la caratteristica principale di questa sostanza, vi sono poi altri vantaggi che la rendono utile per trattare tutta una serie di disturbi del sonno che sono più o meno comuni tra le persone.

È il caso specifico dell’insonnia, dei problemi di sonno nei bambini autistici, iperattivi o con un deficit dell’attenzione, della disritmia e del classico disturbo del sonno delle persone che lavorano secondo una turnazione.

Per capire qual è il dosaggio sicuro delle gocce di melatonina, bisogna partire dal presupposto che per ogni persona potrebbe essere consigliato un dosaggio differente. Ad influenzare questa differenza ci sono vari fattori come ad esempio l’età, il sesso, l’eventualità di assunzione di vari farmaci e quali, la resistenza alla sostanza eccetera eccetera. Detto ciò, però, è anche importante sottolineare che la Food and Drug Amministration ha stabilito che la melatonina non è un farmaco.

Per questo motivo, infatti, non troverai molte indicazioni precise riguardo la posologia della melatonina gocce. Per questo, e altri motivi che vedremo più avanti, è sempre opportuno contattare il proprio medico curante per un confronto sulle dosi.

Ad ogni modo, in linea generale, sappi che la melatonina impiega da circa una a due ore per fare effetto, quindi va assunta più o meno in queste tempistiche prima di mettersi a letto. Riguardo le dosi, conviene sempre iniziare con una dose più bassa (0,5) e poi eventualmente salire.

Melatonina gocce per bambini

Il discorso dell’integrazione della melatonina in gocce per i bambini e per gli anziani non è molto differente da quello appena fatto per gli adulti. Quello che cambia è la coscienza che queste due categorie di persone, una per un motivo e l’altra per un altro, sono più deboli delle persone adulte.

Per tale motivo, è necessaria una maggiore attenzione durante l’assunzione o la somministrazione di melatonina. A seguire riporteremo alcuni dati presi da uno studio effettuato all’Università di Sydney, Australia, riguardo quella che dovrebbe essere la corretta posologia della melatonina in gocce sui bambini.

I neonati possono assumere un massimo di un milligrammo di melatonina gocce circa una o due ore prima di andare a dormire. Ai bambini fino a 10 anni è possibile somministrarne dai due ai tre milligrammi. Gli adolescenti invece, secondo lo studio, possono assumere la stessa dose massima consigliata per gli adulti, ovvero cinque milligrammi.

Queste dosi sono indicative, in quanto continuano tutt’oggi ad esserci degli studi per attestarne la certezza. Di conseguenza, il miglior consiglio che possiamo darti è quello di assicurarti di contattare il tuo pediatra di famiglia prima di somministrare qualsiasi dose di melatonina al tuo bambino.

L’utilizzo della melatonina da parte degli anziani

Fatto interessante: la quantità di melatonina prodotta dal nostro corpo diminuisce progressivamente con l’aumentare dell’età. A quanto pare, quello che succede fisiologicamente nel nostro corpo dai trenta anni in su è che la ghiandola pineale (responsabile della secrezione di melatonina) inizia a calcificarsi, producendo sempre meno melatonina.

Per questo motivo in particolare, gli integratori melatonina gocce sono molto utili per gli anziani che, con ragione, fanno molta fatica ad addormentarsi. Lo stesso studio che ha dimostrato indicativamente quali possono essere le giuste dosi della melatonina in gocce per bambini, suggerisce un dosaggio massimale di due grammi di melatonina per gli anziani. Consiglia inoltre di prendere la sostanza non più di un ora prima di coricarsi.

Cosa devi sapere prima di utilizzarla

LA Food and Drug Administration ha classificato la melatonina in gocce come integratore alimentare. Questo vuol dire che, rispetto ad un normale farmaco, la melatonina non segue una regolamentazione eccessivamente rigorosa.

È stato dimostrato che l’utilizzo a breve termine della melatonina in gocce è sicuro e senza controindicazioni per praticamente tutti gli adulti ed i bambini. Il dubbio che ancora non è stato risolto da scienziati e ricercatori, tuttavia, riguarda l’utilizzo della sostanza per un tempo prolungato.

Sono ad esempio stati dimostrati alcuni casi specifici in cui la melatonina, assunta per lungo termine, ha causato effetti collaterali negli adulti che ne fruivano. Tali effetti erano mal di testa, nausea e stanchezza durante il giorno.

In questi casi è bene ricordare che le gocce di melatonina non servono per far dormire le persone. Piuttosto sono necessarie per una sorta di rieducazione ad un corretto sonno. Per rieducare il proprio organismo ad un corretto modo di riposare, non sono necessari più di due o tre mesi di somministrazione di melatonina in gocce.

Melatonina gocce: cosa succede se ne prendo troppa?

Secondo i risultati degli studi riportati fin ora, possiamo affermare che la melatonina è una sostanza sicura, in linea generale. È chiaro però che, come per ogni altro genere di sostanza, se abusata può essere causa di alcuni effetti collaterali, più o meno gravi.

È importante sottolineare che tali effetti collaterali, fino ad ora, non si sono mai verificati con una posologia inferiore a quella raccomandata, ma sempre nei casi in cui le dosi o i tempi di assunzione sono stati largamente superati. Gli effetti collaterali più comuni possono essere la sensazione di sonnolenza durante la giornata, le vertigini, la nausea, il mal di testa e il vomito.

Vi sono poi altri effetti meno comuni che si sono verificati in alcune persone che hanno abusato ampiamente delle gocce di melatonina e sono crampi addominali, tremori, disorientamento, sbalzi d’umore e, dei casi più eccezionali, depressione e ansia.

Nel caso in cui di presenta uno o più di questi effetti collaterali è necessario interrompere immediatamente la somministrazione di melatonina e di rivolgersi quanto prima al proprio medico curante. Il dottore potrebbe infatti consigliare un altro farmaco (naturale o meno) alternativo alla melatonina.

Vi sono poi dei casi in cui, durante la notte, le persone si sveglino nonostante l’assunzione della melatonina. È opportuno prendere una seconda dose in questi casi?

È improbabile che una seconda dose di melatonina possa provocare danni. Ciononostante, se ci si rende conto che la melatonina non sta funzionando, è il caso di smettere di assumerla.

Interazione farmacologica della melatonina con altri farmaci o sostanze

Abbiamo ripetuto, anche più volte all’interno dell’articolo, che la melatonina, se assunta correttamente, non è dannosa e non provoca effetti collaterali. Tuttavia, se assunta contemporaneamente con altre sostanze potrebbe limitare gli effetti delle stesse creando, in determinati casi, dei disagi più o meno gravi. Vediamo di seguito quando sarebbe meglio evitare di assumere le gocce di melatonina vicine ad altri farmaci o sostanze.

La melatonina non va d’accordo con i farmaci cicatrizzanti, in quanto potrebbe bloccare gli effetti degli stessi aumentando così il sanguinamento di una parte lesa. Inoltre, essendo la melatonina un ormone che fortifica il sistema immunitario, non va d’accordo neanche con i farmaci immunosoppressori. Nel caso in cui si assumano questo tipo di farmaci, infatti, è assolutamente sconsigliato assumere anche la melatonina.

Ancora troviamo i medicinali per l’epilessia e le cure per il diabete ad essere contrastati dall’assunzione delle melatonina.. I primi in quanto vengono resi meno efficaci e le seconde perché la melatonina, anche se in piccola forma, aumenta gli zuccheri nel sangue.

Per concludere la lista dei farmaci che non vanno assunti insieme alla melatonina vi sono i farmaci contraccettivi e quelli per la pressione sanguigna, i quali effetti vengono praticamente annientati dall’assunzione dell’ormone. L’ultimo consiglio che vogliamo darti riguardo l’interazione dei farmaci con la melatonina è di rammentare che la sua assunzione potrebbe farti sentire stanco e assonnato, quindi non è il caso di mescolarla con alcol, sostanze stupefacenti o sonniferi vari.

Melatonina gocce: chi dovrebbe evitarla?

Arrivati a questo punto è abbastanza chiaro che la melatonina può aiutare a risolvere moltissimi problemi di persone che soffrono dei disturbi del sonno. Data la classificazione di questa sostanza come “naturale” e non come farmaco, le ricerche sulla sicurezza e sul suo utilizzo sono ancora troppo poche per essere completamente affidabili.

Un fatto molto curioso a riguardo, ad esempio, è che la melatonina è presente in maniera naturale all’interno del latte materno. Tuttavia, ancora non è mai stato dichiarato che le donne durante l’allattamento possono assumere la melatonina in gocce con il cento per cento della sicurezza.

Studiando il quadro generale della situazione quindi, si evince che non è obbligatorio, ma sarebbe meglio evitare di assumere la melatonina nei seguenti casi:

  • se si è incinta o se si ha intenzione di rimanere incinta
  • nel periodo di allattamento
  • se si ha una condizione autoimmune
  • in caso di epilessia
  • in caso di malattie al fegato o nefropatia
  • in caso (ovviamente) di allergia o intolleranza

In tutti questi casi non è obbligatorio, ma è meglio evitare di assumere la melatonina. Ma come faccio a capire se è il caso di integrare le gocce di melatonina alla mia dieta?

Riconoscere un disturbo del sonno non è sempre facile. Questo perché può capitare a tutti, specialmente in questo particolare periodo storico, di non riuscire a dormire bene la notte per questo o per quell’altro motivo, senza che abbiano necessariamente qualcosa a che vedere con l’insonnia o con disturbi del sonno più gravi.

Quando devo consultare il medico per iniziare ad assumerla

Se stai pensando che assumere la melatonina in gocce potrebbe risolvere i tuoi problemi di sonno, ma non sei sicuro di averne veramente bisogno, ci sono degli accorgimenti che puoi prendere durante la giornata per imparare ad ascoltare il tuo corpo. Fai caso ad esempio a come ti senti durante il giorno.

Ti senti stanco, assonnato, debilitato? Poi, cerca di notare se hai difficoltà ad addormentarti o a dormire di fila per tutta la notte. Impieghi molto tempo per addormentarti? Ti svegli molte volte per andare al bagno, mangiare qualcosa o semplicemente controllare il tuo cellulare? Infine, cerca di fare caso al modo e all’attitudine con i quali svolgi tutte le tue attività quotidiane e professionali. Fai molta fatica? Le fai con piacere o controvoglia?

Ecco, questo è un ottimo di partenza per cercare di capire come è il tuo rapporto con il sonno e se è il caso o meno di iniziare ad integrare le gocce di melatonina nella tua dieta. Se hai risposto si a tutte le domande che ti abbiamo appena rivolto, sappi che molto probabilmente non stai passando delle notti molto serene, e potresti aver bisogno di un piccolo aiuto come quello appunto della melatonina.

Ad ogni modo non ti devi preoccupare perché sarà il tuo medico stesso ad indirizzarti verso il prodotto a base di melatonina da assumere e la posologia. Se questo articolo ti è stato utile continua a seguire il nostro blog e i canali social!

Un integratore Alimentare a base di melatonina, camomilla, valeriana e Vitamina B6.

Sonny Sleep – VR Services SRL P.IVA IT 02698200991 – Sede Legale in Genova, Via Colombo 6 CAP:16121 – Cap. sociale: 10.000,00 €