musiche rilassanti per dormire

Perchè è importante ascoltare della buona musica per dormire?

Ascoltare la musica per dormire è una cosa che moltissime persone in tutto il mondo fanno ogni notte: secondo questi individui, si tratterebbe di una cosa che favorisce non solo l’addormentamento, ma anche il sonno profondo nel corso della notte. Non ci sono dubbi sul fatto che la musica sia una vera e propria cura contro l’ansia e lo stress: tuttavia, recenti studi hanno dimostrato anche che si tratta di una validissima alleata per contrastare i numerosi disturbi del sonno.

Proprio a questo proposito, nel corso degli ultimi anni, si è affermata sempre di più una nuovissima disciplina che prende il nome di musicoterapia. Praticamente, dato che la musica agisce sull’asse ipotalamo-ipofisiario ed anche sul sistema nervoso autonomo, questa riesce a modulare diverse risposte metaboliche del corpo umano: le note delle canzoni sono infatti in grado di stimolare la secrezione di endorfine.

musica per dormire

Come è ormai risaputo, si tratta di sostanze che riescono non solo a migliorare l’umore, ma anche a favorire il rilassamento: dunque, la musicoterapia si basa sostanzialmente sull’impiego della musica come strumento non solo educativo, ma anche terapeutico e riabilitativo. Ascoltare la musica per dormire o la musica rilassante ha un fortissimo impatto su quelle che sono le funzioni cognitive, ma anche le capacità motorie e lo sviluppo emozionare.

Questa viene utilizzata non solo in gravidanza, ma anche in ambito educativo, oncologico, geriatrico e palliativo. Alcune indagini hanno mostrato che comporta ottimi risultati in ambito psichiatrico, aiutando contro i sintomi di ansia, schizofrenia ed autismo.

L’uso della musica per dormire

La musica, come si è detto poc’anzi, non è uno strumento utile solamente per dormire, ma anche per curare altri aspetti e problemi del corpo umano: grazie alle sue note, questa è ottima per ridurre l’attività del sistema nervoso ed abbassare la pressione sanguigna. Inoltre, la musica sicuramente permette di diminuire sia l’ansia che la frequenza del respiro e del cuore: si tratta di prerogative importanti se si vuole prendere sonno e dormire senza interruzioni.

Numerosi studi hanno evidenziato che per dormire in modo ininterrotto e soprattutto profondo, la musica più adatta è quella che va dai sessanta agli ottanta battiti al minuto: non a caso, si tratta della stessa frequenza del cuore umano. Ovviamente, si tratta di una frequenza alla quale gli esseri umani sono abituati sin dal grembo materno: ovviamente, ognuno ha i suoi gusti, ma delle ricorrenze in tutti gli esseri umani sono sicuramente riscontrabili.

Ciò che importa in questo caso è selezionare della musica per dormire che sia rilassante, e che quindi sia dotata di frequenze più soft e ritmi bassi e costanti: non ci devono essere degli sbalzi di intensità. Per i soggetti che soffrono di insonnia, ci sono degli stimoli uditivi che servono a conciliare il sonno ed a favorire il rilassamento: un esempio è quello dell’ASMR, ovvero l’Autonomous Sensory Meridian Response.

In poche parole, si tratta di una reazione immediata del cervello all’ascolto di suoni diversi, come la carta che viene accartocciata, il rumore che fanno le unghie su un tavolo oppure dei sussurri.

Qual è la musica più rilassante per dormire

Non ci sono affatto dubbi sul fatto che la musica più rilassante per dormire sia quella totalmente strumentale: si parla in questo caso della musica ambient, new age oppure classic. Al contrario della musica strumentale, le canzoni che contengono una parte cantata sono troppo stimolanti per il cervello, così come anche le canzoni più note: diverse ricerche hanno mostrato che quando le persone ascoltano la propria musica preferita, vengono attivate le aree del cervello di ricordi e di pensieri privati.

Ovviamente, nel momento in cui si attivano queste aree si vanno ad innescare delle emozioni particolari, le quali non favoriscono affatto il rilassamento. Dunque, se si vuole prendere sonno in modo facile e dormire profondamente, c’è bisogno di rivolgersi a generi musicali in particolari, come ad esempio la musica classica.

Questo genere di musica è in grado di abbassare la pressione arteriosa, così come anche la secrezione di cortisolo (che altro non è se non l’ormone dello stress): lo stesso viene svolto anche dalla musica ambient. Un’altra valida alleata può essere la musica celtica, la quale veniva utilizzata per mettersi in contatto con entità dell’altro mondo: ovviamente, oltre alla musica si può anche fare affidamento a rumori bianchi e suoni della natura.

I benefici dell’ascolto di musica rilassante per dormire oppure di suoni della natura sono impressionanti: l’ansia e lo stress vengono ridotti al minimo, e allo stesso tempo è possibile stimolare la produzione di serotonina ed endorfine.

La musica ed il corpo umano

Si è detto che la musica, specialmente alcuni generi, è un’ottima alleata in diverse situazioni: è utile per favorire l’apprendimento, per favorire il rilassamento e l’addormentamento oppure il buonumore, in quanto contribuisce a far crescere la produzione di serotonina. Nel momento in cui si ascolta la musica, all’interno del cervello umano sono rilasciate delle sostanze chimiche, così come anche degli ormoni particolari, che sono in grado non solo di ridurre l’ansia, ma anche migliorare l’umore.

musica rilassante per dormire

Tali sostanze sono ottime in quanto trasmettono una vera e propria gioia, oppure favoriscono la concentrazione mentre si studia oppure si lavora. In aggiunta a questo, è possibile dire che la musica è in grado di creare delle esperienze emozionali dal carattere positivo, e questo non può che essere benefico per il sistema immunitario: inoltre, con la musica è possibile alleviare il dolore e stimolare la memoria.

Va detto che il suono altro non è se non un fenomeno fisico che avviene grazie ad una vibrazione che si propaga all’interno di un ambiente: nel momento in cui si ascolta della musica per dormire o un qualsiasi altro tipo di musica, il cervello attiva la fase dell’udire, strettamente collegata all’orecchio ed al nervo acustico. Successivamente, il suono non solo passa attraverso il talamo, ma raggiunge il lobo temporale: ecco quando viene coinvolto il sistema nervoso.

Il suono a questo punto viene intellettualizzato: da qui in poi vengono rilasciate delle sostante ottime per la salute mentale, quali ad esempio serotonina, dopamia ed ossitocina, che favorisce l’empatia.

Musiche rilassanti per dormire per i bambini

Una curiosità che molte persone non sanno è che negli esseri umani l’udito è il primo senso a svilupparsi: di fatti, già a tre mesi di gestazione il feto è in grado di ascoltare mentre dopo due mesi dalla nascita è già possibile percepire il ritmo. Dunque, per i bambini la musica non è solamente uno stimolo esterno che serve per alleviare lo stress: si tratta anche di uno strumento che favorisce lo sviluppo cognitivo, psicologico ed addirittura fisico.

Ancora, la musica gioca un ruolo importante nello sviluppo linguistico del bambino e favorisce le connessioni neuronali: le musiche rilassanti per dormire, insomma, favoriscono il sonno di tutti. Un’altra cosa che molti ignorano è il fatto che non solamente gli esseri umani reagiscono alla musica, ma anche altri esseri viventi, come le piante e gli animali.

Infatti, nel mondo animale, è possibile vedere che anche cani e gatti sono sensibili alle onde emanate dalla musica: anche in questo caso, si tratta di uno stimolo che comunica direttamente con il sistema nervoso. Le note musicali sono infatti in grado di attivare delle particolari aree del cervello che rilasciano dei neurotrasmettitori chimici: questo favorisce il benessere psicofisico dell’animale.

Sonny Sleep – VR Services SRL P.IVA IT 02698200991 – Sede Legale in Genova, Via Colombo 6 CAP:16121 – Cap. sociale: 10.000,00 €